L'Agriturismo e il suo territorio

A Dolceacqua e Pigna ’Agriturismo “Antichi borghi della Liguria” Vi accoglie con tutta la sua pace, tranquillità ed eleganza in un emozionante ambiente, nei tipici “carugi” liguri denominati a Pigna “chibi” ossia cupi, stretti, dove la memoria del tempo si risveglia attraverso i meandri della storia, ricca di tesori, pitture, architetture medioevali, spettacoli naturali ed umani. Nell’azienda di circa 2,5 ettari si producono: olio di olive taggiasche, vino Rossese Doc di Dolceacqua, vino Vermentino, fagioli di Pigna, frutta ed ortaggi, mimosa, che si possono trovare all’interno della stessa. Nel periodo di raccolta dell’uva e delle olive si organizzano giornate a tema.

Scopri con noi l'incanto dell'entroterra ligure

Dolceacqua

Antico borgo medievale già sede del Marchesato dei Doria, si presenta con il castello sulla rocca, il magnifico ponte a schiena d’asino che attraversa il Nervia, dipinto e definito da Claude Monet “gioiello di leggerezza” e il caratteristico quartiere medioevale della Tera. La Chiesa di S. Giorgio, presso il cimitero, conserva parti delle fasi romanica, gotica e barocca. La parrocchia di Sant'Antonio Abate custodisce il polittico di Santa Devota, capolavoro di Ludovico Brea (1515). Il castello, trasformato più volte fra il XII e il XVII secolo e abitato dai Doria fino alla sua distruzione (1744) ospita manifestazioni culturali. Processione di S.Sebastiano (nel mese di gennaio), tradizionale festa della Michetta e grandioso spettacolo pirotecnico in agosto, rassegne estive di musica leggera d’autore e opere liriche. Dolceacqua è luogo di roduzione del famoso vino Rossese di Dolceacqua Doc e di eccellente olio extravergine di oliva.

dolceacqua panorama

Pigna

Pigna, antico borgo a lungo possesso sabaudo, presenta una struttura concentrica con tratti di vicoli coperti, chiamati i chibi, scuri, attorno a Piazza Castello, le cui case sono decorate da portali in ardesia scolpita. Accanto alla loggia della Piazza Vecchia, la Chiesa di San Michele, con un alto campanile cuspidato ha sulla facciata il magnifico rosone del 1450 con vetrate coeve e nell’interno il polittico a 38 scomparti di Giovanni Canavesio (1500). Lo stesso pittore affrescò nel 1482 la Chiesa cimiteriale di San Bernardo con un ciclo sulla Vita di Gesù e con il Giudizio Universale. Il Museo di Pigna “La Terra e la Memoria“ raccoglie testimonianze e utensili dei pastori e della vita di ieri. Il moderno complesso delle Antiche Terme di Pigna offre una ricca gamma di servizi, con beauty farm.

pigna panorama
Top